Organizzare un trasloco: come trasferire i propri oggetti

Un trasloco può essere molto più leggero di quanto si pensa, basta sfruttare ciò che propone il mercato, o anche l’aiuto di familiari e amici. Spesso si tende a considerare il trasloco come un pacchetto unico, quindi, nel caso in cui si intenda fare da sé, non si approfitta di cosa possono proporre le ditte di traslochi, come ad esempio il servizio i facchinaggio, o il noleggio di un furgone.

Considerare correttamente il trasloco

come organizzare un traslocoPrima di iniziare un trasloco è opportuno valutare tutto ciò che c’è da fare e considerare se tutti i diversi compiti possono essere svolti autonomamente, o se invece è meglio chiedere aiuto. Amici e parenti possono essere preziosi, soprattutto durante la giornata del trasloco effettivo, quando si devono smontare i mobili e si trasporta tutto fuori di casa. Prima di allertare i conoscenti è opportuno valutare, serenamente, la quantità di oggetti, mobili e suppellettili che si possiedono.

Spesso una prima scrematura, che consiste anche nel liberarsi di ciò che non si utilizza, permette di diminuire fino a un terzo gli oggetti che si devono spostare. Se si ritiene che il lavoro sia eccessivo, conviene contattare una dita di traslochi, per richiedere il servizio di facchinaggio: una o più persone che si occuperanno di spostare tutto ciò che c’è in casa, per portarlo fino al mezzo di trasporto. Il costo è abbastanza contenuto, e si tratta di un servizio adatto anche alle giovani copie, o a chi non ha un budget elevato a disposizione.

Cominciare con ordine

Per ragionare in modo corretto su come avviene un trasloco è bene pensare che prima di svuotano mobili, armadi e pensili, quindi si inscatolano gli oggetti. Solo quando tutte le scatole sono pronte si iniziano a smontare i mobili. Alcuni oggetti possono essere spostati e imballati con grande anticipo, si pensi ad esempio al barbecue in giardino, o agli abiti per le stagioni diverse in quella in cui ci si trova.

Molte scatole quindi possono essere pronte anche settimane prima della partenza; per non perdere gli oggetti è bene scrivere su ogni scatola il contenuto, o almeno la stanza in cui dovrà essere posizionata nella nuova casa. Alcune cose non devono essere inscatolate fino all’ultimo minuto, e il contenitore con esse dovrà essere mantenuto sempre in vista. Si tratta di alcuni oggetti di uso comune, come forbici o cacciaviti, e dei primi generi di “sopravvivenza”, come un cambio di abiti e lo spazzolino e il dentifricio.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi