Diario Yara Gambirasio, avvocati Bossetti chiedono nuova analisi

Diario Yara Gambirasio: i carabinieri del Ros e del Racis, in collaborazione con una psicologa, hanno analizzato il diario della ragazzina nel dicembre 2010, quando ancora, nonostante la giovane ginnasta fosse scomparsa, non era ancora stato ritrovato il suo corpo privo di vita.

Diario Yara GambirasioNel suo diario, la tredicenne di Brembate di Sopra – il cui corpo veniva ritrovato tre mesi dopo la sua scomparsa in un campo a Chignolo d’Isola – aveva scritto, il giorno prima della sua scomparsa (era il novembre del 2010) tutto ciò che riguardava la scuola, ma anche alcune riflessioni. Il giorno dopo, la ragazza sarebbe scomparsa poco prima di rientrare a casa, dopo essere uscita dalla palestra presso la quale si allenava.

Quando il diario Yara Gambirasio fu analizzato, non emerse alcuna ombra nella vita della ragazzina, che conduceva una vita normale, come tutte le ragazze della sua età, tra sogni, desideri e ambizioni, ed ovviamente anche preoccupazioni scolastiche. A distanza di cinque anni dalla sua scomparsa, però, il diario di Yara potrebbe essere analizzato nuovamente: a richiederlo sono stati gli avvocati che difendono Massimo Bossetti, il muratore del cantiere di Mapello accusato di aver rapito e ucciso la tredicenne.

Gli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini hanno infatti chiesto di poter leggere tutto il diario di Yara a caccia di spunti o elementi che potrebbero essere sfuggiti agli investigatori e che potrebbero quindi essere utilizzati come elementi di difesa del loro assistito, che professa ancora la sua innocenza.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi