Coltelli da cucina: quali sono essenziali

Per cucinare bene è importante avere a disposizione coltelli di prima qualità, questo anche per preparare i pasti quotidiani, non solo per le preparazioni più complesse e articolate. In commercio purtroppo ci sono prodotti di ogni tipo, alcuni molto costosi, altri venduti a prezzi incredibili.

I migliori coltelli da cucina devono avere delle caratteristiche fondamentali, che a volte portano ad aumentarne il prezzo, ma non è necessariamente questa la peculiarità di cui tenere conto.

Come deve essere un buon coltello

Non è assolutamente vero che i migliori coltelli sono anche i più costosi, ci sono infatti diverse marche di prodotti e utensili da cucina che propongono coltelli a prezzi esorbitanti, non perché siano ottimi attrezzi, ma perché sono progettati da un designer famoso o perché hanno il manico o il ceppo in materiali particolarmente costosi. In linea generale comunque un buon coltello ha un prezzo abbastanza elevato, per una questione fondamentale: un buon acciaio, o una buona ceramica, necessitano di vari passaggi per essere prodotti.

Il segreto per avere a disposizione un coltello di ottima qualità sta nella scelta del materiale di cui è fatto, che deve essere duro e resistente, permettendo così di mantenere l’affilatura a lungo. I coltelli in metallo di migliore qualità sono forgiati da abili artigiani, famosi sono quelli giapponesi, ancora oggi prodotti interamente a mano. Sono utensili che possono essere utilizzati per vari decenni, che possono sopportare diverse affilature senza subire alcun danno.

I coltelli in ceramica

Negli ultimi anni i coltelli in ceramica sono sempre più diffusi, anche a causa del fatto che sul mercato si trovano prodotti di qualità medio bassa a prezzi abbordabili. Un buon coltello di ceramica è preparato con polvere di zirconio, cosa che lo rende praticamente indistruttibile, con un’affilatura eterna.

I coltelli in ceramica a basso costo sono prodotti con materiali scadenti, che ne rendono la lama molto fragile: basta premere eccessivamente per causare la formazione di crepe o addirittura per portare la lama a spezzarsi completamente. Se l’utilizzo sarà sporadico, allora può essere interessante anche un coltello in ceramica a basso prezzo, ma in linea generale si tratta più di un gadget originale che di uno strumento di uso quotidiano.

Quali coltelli

Piuttosto che avere numeroso coltelli di bassa qualità è più interessante scegliere solo pochi pezzi, dall’utilizzo versatile, acquistandoli però di ottima qualità, tra i prodotti migliori sul mercato.

In cucina infatti si usa in genere un coltello a lama ampia, lungo dai 13 ai 17 cm, più un coltellino per verdure, magari con lama dentellata e un trinciante, o coltello da cuoco. Con questa dotazione si possono preparare praticamente tutte le ricette.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi